“Madre assassina io ti odio”

Ogni commento lasciato sulla bacheca Facebook di Valentina, la donna di 34 anni di Settimo Torinese che due giorni fa ha gettato il neonato appena partorito in bagno dalla finestra, racconta l’odio che trasuda per ogni atto o pensiero che smuove la rabbia, profondissima, di una grande fetta di italiani. Che sia per un immigrato o un neonato, per un rapinatore o per un pedofilo, per una donna o per un uomo che abbiano compiuto qualcosa di altamente “socialmente” riprovevole, ogni scusa è buona per vomitare una crudeltà e una cattiveria che albergavano più o meno silenziosamente nell’animo umano della gran parte di queste persone. Nelle altre alberga una ignoranza abissale, non tanto di leggi (pazienza) ma di moralità, collegamento dito e pensiero, (così come nella vita reale di bocca e cervello) autocontrollo, dubbio, ricerca, confronto. Insomma di un minimo di cultura e ragionamento, proprio minimi, che ogni italiano si suppone abbia al giorno d’oggi. In Facebook vige una strana “moralità”: posso insultare e odiare pubblicamente chiunque sia lontano da me, posso fare uscire la parte peggiore di me poiché me lo consente stare dietro a un computer e appunto quella “socialmente condivisibile” interpretazione dei fatti e delle persone (che non servono, non sono nessuno per noi). Chi sono queste persone che augurano sofferenza atroce e morte a una donna che (come tante altre) si è sbarazzata (per usare le parole del pm) di  un neonato? Perché ben pochi si chiedono come mai, o aspettano notizie più dettagliate, o non  fanno la semplice, semplicissima equazione: uccidere un figlio per una madre è un atto talmente contro natura da essere folle? Perché non definirla pazza, piuttosto che puttana, stronza, bastarda. ecc.?

Leggendo le notizie riportate dai giornali e ieri dalla tivù, la prima distorsione è causata proprio dal modo in cui vengono riportati i fatti. Non sono obiettivi: danno subito adito a schierarsi in difesa o contro, come se un atto simile potesse sollecitare un giudizio di gusto o sbagliato, finge o dice il vero, è matta per convenienza o lo è davvero. Ad aprire la strada a queste aberrazioni di pensieri crudeli sono stati gli ultimi importanti casi mediatici di madri assassine.  Con una differenza sostanziale: Annamaria Franzoni, che pure ha compiuto un gesto decisamente più crudele e difficilissimo da compiere rispetto al gettare un neonato dalla finestra (fu storicamente un metodo usato da migliaia di madri, quello di sopprimere i neonati, gettarli nei pozzi, sotterrarli, sgozzarli come galline, soffocarli,  buttarli nei fiumi, ecc, a seconda di dove si trovavano e di cosa disponevano sottomano) è stata ampiamente difesa e (poco) ampiamente condannata perché ha tenuto un comportamento totalmente differente da Valentina di Settimo Torinese, e con lei tutta la stampa e la tv. Inutile continuare a illudersi che stampa e tv non abbiano interesse a montare i casi, e per montarli bisogna fomentare il dubbio che non sia vero quando gli inquirenti dicono che è vero (o estrapolarne le parole) e che è vero quando si dice il contrario, oppure si mandano queste donne in cura, cioè negli ospedali psichiatrici giudiziari oggi trasformati in Rems (ps: ho appena pubblicato il libro “Giudizio sospeso”).  La gente, chiamiamola così, non ama usare la testa, la sua, non vuole farsi opinioni, non vuole approfondire e sapere o dovrebbe ricredersi anche sulla sua vita privata, mettere in discussione i propri comportamenti e sentimenti veri, avere meno “amici”, meno consensi e soprattutto dovrebbe mettere in discussione la propria morale che ben conosce… ma si vive meglio senza averla.  Viene da pensare che gli esseri umani hanno la sola capacità di obbedire per paura e convenienza e non quella  di ragionare, a costo di scontrarsi apertamente e restare isolati dalla massa. Ma viene soprattutto da pensare che questa rabbia giunta a livelli inammissibili purtroppo per colpa di Facebook (ma anche ovunque siano assenti le prese di posizione poco convenienti) che non ha nessuna regola morale nè legale (ecco di nuovo l’incapacità di autolimitarsi) sia una grande sofferenza interiore trasformatasi in voglia di vendetta e giustizia, financo a sproposito e contro la persona sbagliata. In sostanza ognuno ributta in un atto i suoi problemi, anche piuttosto seri, e tutti di origine psicologica irrisolta. Non riesco spesso a vedere la differenza tra chi uccide materialmente e viene anche condannato dalla legge oltrechè dallo scontare un dolore a vita, e chi scatena il dolore negli altri, chi giudica in un secondo, chi accusa pubblicamente senza sapere o solo per vendicarsi di qualcosa che è capitato a lui. Esempio: una donna ha lanciato ingiurie alla donna di Settimo perchè lei non riesce ad avere figli. C’entra qualcosa? Nella realtà niente, ma nella fantasia inconscia tantissima. Una sorta di ingiustizia che si cova nell’animo viene catapultata sulla prima persona che la ravviva. Anche se i fatti non hanno legami concreti. Anche Valentina aveva problemi seri, talmente seri da aver gettato il suo bambino dalla finestra che per noi è un bambino ma per lei evidentemente no. Gli inquirenti hanno capito abbastanza in fretta il collegamento tra l’infanticidio e le patologie ereditarie di cui soffrono il marito e la figlioletta di tre anni. Qualcuno di chi insulta e augura la morte, ha mai vissuto una lunghissima depressione o conflitto nevrotico che conduce a uno squilibrio ossessivo e dissociato? Qualcuno di chi insulta ha avuto un marito che per nove mesi non si accorge che la moglie è incinta pur dormendo con lei e magari facendo l’amore? Qualcuno di chi augura la morte ha avuto un marito malato e una figlia malata e un padre che non le parla? Valentina ha confessato che il bambino era suo. Come l’abbia fatto non sappiamo, perché non eravamo presenti  alla ricerca della confessione che facilita il lavoro della polizia, la quale deve rispondere al magistrato del suo operato. Che abbia detto non ricordo o ricordo, è una banale estrapolazione delle poche parole che vogliono dire i magistrati alla stampa in prima battuta.  Avendo seguito tanti casi simili, posso ritenere che la donna, avendo nascosto la gravidanza, non poteva che continuare a nascondere il frutto di quella gravidanza che, ripeto, per noi è un bambino, per lei era “qualcosa” da nascondere. Come si fa? Prima di lei molte donne l’hanno affogato nel water perché è il modo più semplice quando si partorisce in bagno. Non è detto che esista premeditazione cosciente del tipo…quando nasce lo butto dalla finestra.. Anzi. Buttandolo esattamente sottocasa è evidente che di premeditazione non si può parlare e nemmeno di tentativo di nascondere un infanticidio. E come si fa ad accompagnare la figlia a scuola dopo un atto del genere? Io mi sono fatta un’altra domanda: come si fa a camminare dopo un parto e dopo un’emorragia senza nemmeno destare sospetti nei passanti? Qual è la differenza tra le mie domande e gli insulti? La ricerca delle corresponsabilità di chi non vede, non sa, non si mette La mia personale problematica psicologica non entra nel fatto, non si mescola, non accusa chi non c’entra niente con me. Questa donna a me ha provocato solo la giusta sofferenza che permette di andare oltre e capire e cercare di modificare la realtà in meglio. Quello che entra in questa tristissima vicenda, è l’esperienza personale del dolore, il mio e quello ricevuto e assorbito dalle madri assassine che ho conosciuto e che vorrei non esistessero più. Leggendo i commenti, invece, é difficile gestire la frustrazione che genera la stupidità, la cattiveria e l’egoismo. E che contribuiscono solo a fare altro male.

Lidia Macchi può attendere

Trent’anni dopo, è l’anatomopatologa forense Cristina Cattaneo a venire chiamata d’urgenza per risolvere un rompicapo che rischia di far fare una figura barbina alla Procura di Milano. La prima testa saltata per “gravi inadempienze” e addirittura per “aver favorito il killer di Lidia Macchi” è stata quella del pm Agostino Abate che ha perso i vetrini con lo sperma trovato sul corpo di Lidia ucciso con 29 coltellate, ha perso la borsa di Lidia, non ha indagato per bene su tutti gli amici di Lidia, Stefano Binda compreso, oggi a processo (e in carcere da un anno e mezzo) come sospettato numero due. Il primo, il suo amico sacerdote, era stato già scagionato. Cristina Cattaneo deve fare l’acrobata per prelevare dall’imene della povera Lidia invece misteriosamente conservato a Pavia per 30 anni, un possibile difficilissimo dna dell’accusato al quale solo lo scorso gennaio hanno prelevato in carcere il dna. Lidia Macchi non ha rifiutato il rapporto sessuale a cui è seguita la sua morte violenta. Il movente di questo delitto tipicamente passionale per il numero delle coltellate inferte (con rabbia) è stato codificato, così come tutti i reperti e le “prove” che mantengono Binda in carcere, con una prima spiegazione classica: lui la forza al rapporto, lei poi forse lo denuncerà o farà a sapere a tutti cosa ha fatto e perciò, spaventato, la uccide. Seconda spiegazione: lui e lei sono attratti l’una dall’altro, anzi lei è innamorata, ma lui è drogato di eroina e perciò rabbioso e la rabbia al termine del rapporto si trasforma in furia omicida per pentimento. Qualcosa sta in piedi? Sembra, in tutta questa vicenda, che ci siano persone da salvare, altre da colpevolizzare, altre ancora da punire. E poi spunta la prima fidanzata di Binda che lo accusa di essere l’assassino, dopo 30 anni, perchè vede il programma tv Quarto Grado e riconosce la grafia della lettera anonima “in morte di un’amica” inviata alla famiglia il giorno del funerale della studentessa di giurisprudenza alla Statale. Tutti concordi i magistrati; quella lettera è la prova della descrizione di un omicidio. L’ho letta mille volte: io ci leggo una farneticazione religiosa con parole messe a casaccio,termini ricercati o conosciuti, finta pietà e classica forma di depistare con l’uso dell’anonimato. Ma perchè mai un killer nostrano dovrebbe mandare una lettera anonima alla famiglia per dire povera anima sacrificale senza nemmeno dire ho fatto bene ad ucciderla? Poi ci si mettono i criminologi da tv che affermano che Binda ha il profilo del killer perché “è disoccupato, vive ancora con madre e sorella a 48 anni, in più è single”. Anche la sorella, a questo punto, potrebbe avere il profilo di un killer.
Non è facile capire chi ha ucciso Lidia, nè scagionare Binda o accusarlo. Prima di lui, è stato colpevolizzato Piccolomo, un imbianchino assassino già in cella per aver ucciso una 80 enne del Varesotto. E’ stato accusato dalle figlie che ce l’hanno a morte con lui e se potessero gli darebbero tre ergastoli perchè lo ritengono colpevole anche di avere ucciso la di loro madre. E’ stata proprio la denuncia delle figlie di Piccolomo e il suo venire scagionato (per il Dna, ma quale dna se non c’è più niente?) a fare drizzare i capelli alla famiglia di Lidia che, in cerca spasmodica di giustizia, è riuscita a far spostare i fascicoli da Varese a Milano. Grazie soprattutto a quella testimone (P.B) che ha raccontato molte cose di Binda, suo primo amore giovanile di Cl, chissà perchè solo 30 anni dopo. La ex ragazza era oltretutto amica di Lidia e teneva diari un po’ polizieschi piuttosto in voga tra i ciellini pompati di quegli anni, pieni di frasi sospette dopo l’omcidio, ma conservati per 30 anni nel cassetto.
Binda non parla, ma per lui parlano tutti gli altri. Anzi: un anno e mezzo dopo il suo arresto spunta un testimone che si affida a un avvocato di Brescia per fare sapere che la lettera anonima il giorno del funerale l’ha scritta lui e non Binda. Ci sono di mezzo professionisti, gli avvocati, e perciò è escluso che si tratti di un mitomane. Allora la perizia calligrafica su Binda è stata sbagliata? E’ diventata la prima prova contro di lui e adesso lo è già meno.
Il caso di Lidia Macchi è stato il primo a poter usufrire del Dna e la prova scientifica è servita solo a scagionare tante persone subito dopo. Amici di Cl poi diventati sacerdoti, meno uno: Binda. A rigor di logica proprio un ciellino che compie un atto simile e non lo confessa mai, avrebbe dovuto farsi prete. Ma qui di logica ce ne è poca. Lidia aveva 21 anni e studiava alla Statale di Milano, Il 5 gennaio, giornata ancora di festa, è a casa sua a Varese e sul tardi va all’ospedale di Cittiglio a trovare un’amica. Strano l’orario in cui esce dall’ospedale: le 20,10 riferito dall’amica ricoverata. Nonostante il buio e la neve, alcune persone da casa vedono due auto, quella di Lidia e quella presumibilmente di Stefano. Lei non prende la sua auto parcheggiata ma sale su quella di lui. Volontariamente, e perciò si deduce che i due avessero appuntamento. Come se lo sono dati? Per telefono. Si deduce dalle agende di entrambi che hanno segnato i nomi (e cognome) di entrambi. Che Lidia fosse innamorata di Stefano si deduce dalla lettera che lei tiene in borsa, lettera d’amore senza destinatario, e da una poesia di Pavese, ma anche da libri sulla droga che a quei tempi circola a fiumi e che guarda caso ha ingabbiato anche Stefano, leader carismatico, piacente e intellettuale benchè solo 19enne e perciò immaturo. E’ proprio tra i boschi dello spaccio nei pressi dell’ospedale di Cittiglio che Stefano avrebbe portato Lidia per fare sesso con lei e poi ucciderla. E’ piuttosto comune portare una ragazza nei luoghi dove compri l’eroina? Direi di no, allora meno di oggi. Perchè Lidia non era una drogata ed entrambi avevamo una reputazione da difendere. Più facile pensare che sia stato un luogo casuale, appunto un bosco, dove potersi appartare. Le 29 coltellate per gli inquirenti indicano che dopo il sesso “estorto” ci sia stato un litigio e da qui la reazione. Ma l’arma del delitto deve pur essersela portata dietro questo assassino. E lomicidio sarebbe premeditato. Oppure, il coltellino era in auto per usarlo come difesa. Comune tra i giovani. Ma non propriamente gli studenti ciellini. E non si capisce, appunto, il movente, se non quello di far fuori una innamorata scomoda da “accontentare” e poi castigare. Ma insomma chi era Lidia? Perchè è finita in una trappola così sciocca? Trasgressione? Libertà? Amore cieco? E’ stata anche ipotizzata la voglia di salvare lui dall’eroina. Forse i libri sull’eroina erano destinati a lui? Giustificherebbe almeno l’incontro.
L’unica cosa certa è che il ragazzo o l’uomo al quale si è affidata, non le faceva affatto paura.
Fanno più paura le indagini che si ingarbugliano a volte per banalità, a volte per omertosi silenzi, a volte per pressioni fastidiose. Nessuno si indigna per Binda in carcere senza una prova concreta ma tanti piccoli indizi non molto verificabili, e mi pare che questo si possa giustificare con la presa di posizione dell’opinione pubblica che dopo 30 anni sta dalla parte di una famiglia che vuole un colpevole.
Buna Bianchi

Uccidere i genitori è difficile

Riccardo era deciso a farlo. Manuel l’ha fatto. In un certo senso Riccardo, che faceva il bulletto, che mostrava con sfrontatezza quello che possedeva e che di libertà ne aveva tanta, si è dimostrato per quello che è: un vigliacco. Tutto l’incontrario di Manuel, che appariva sottomesso, fragile, che chiedeva, desiderava e non si ribellava, che il padre arriva a definire buono e manipolato dall’amichetto di sempre e la madre, più intuitiva e realistica si domanda con angoscia se poteva uccidere anche loro due. Sì che poteva, Riccardo. Ha dimostrato di essere forte, deciso, capace di fare qualcosa di atroce, difficilissimo per un adulto che odia profondamente, che ha almeno un raptus incontrollabile di rabbia e si trova per caso un’arma a portata di mano, come in tutti i delitti d’impeto. Nella villetta della frazione di Codigoro, nel Ferrarese, non c’è stato nessun impeto e soprattutto è mancata la reazione umana di fronte al massacro: il vomito.

Se i ragazzi fossero stati dissociati, sotto effetto di allucinazioni o di psicosi indotta da droga (anche leggera), dopo il duplice delitto non sarebbero riusciti a fare altro che vomitare e scappare, rifugiandosi lontanissimo dal luogo della mattanza. Arrestati, non sarebbero riusciti a fare altro che piangere o, al massimo, chiudersi nel mutismo più totale. Invece no. Le intercettazioni ambientali in caserma a Codigoro, dove appositamente sono stati lasciati soli (come nel caso di Erika e Omar), stavano cercando di proteggersi dalla pena, non dalla colpa. Lo schiaffo del padre di Manuel al figlio, sempre in caserma dopo la confessione, e l’immediata richiesta di perdono, è di una superficialità disarmante, eppure è quello che tutti si aspettano non solo da un figlio, ma persino da un fidanzato, da un marito, un amico che fa del male. Se ha chiesto perdono vuol dire che è pentito, ha capito che ha provocato dolore. E’ un modo di pensare piuttosto comune, che trova una difesa accettabile per scusare ciò che  non può esserlo. Chiedere perdono, dopo, ha l’unico obiettivo di togliersi le responsabilità e pretendere di essere di nuovo accolti, come se niente, o poco, fosse successo.  Sostenere che questi due ragazzi non si sono resi conto di quello che stavano facendo è paradossale.

Le due famiglie

Benchè diverse, hanno  molti tratti in comune. Apparentemente, per quanto se ne sa finora, Riccardo ce l’aveva con la madre, tanto da comunicarlo apertamente, mostrare apertamente la sua conflittualità e ribellione, e questa madre, da un lato dava e dall’altra proibiva, da un lato era punitiva e dall’altro accettava. Da un lato minacciava l’abbandono e la cacciata del figlio (fatto  piuttosto raro nelle madri, ma non in quelle con altissimi conflitti personali e, direi, tratti narcisisti) e dall’altro non affrontava niente. Suo figlio faceva uso di spinelli, bigiava a scuola, aveva il  motorino, capi firmati e libertà di orari. A 16 anni aveva potuto permettersi di vivere in garage e glielo avevano permesso, perché in fondo andava bene anche a loro. A Riccardo, probabilmente, preferivano il fratello maggiore Alessandro che non era figlio di questa donna ma la considerava madre a tutti gli effetti. Immaginiamo la gelosia non espressa di Riccardo proprio a fronte delle parole lasciate su Facebook da Alessandro: gli avete dato tutto… Appunto. Il ragazzo ha, nei fatti, inconsapevolmente giudicato, non scusato. Avrebbe voluto forse dire gli avete dato troppo…

La famiglia di Manuel faceva i conti con un figlio disabile, che non è poco. Del figlio maggiore, bel ragazzo apparentemente buono, come lo descrive il padre nonostante abbia calato con violenza un’accetta 8 volte sulla testa di due persone che ben conosceva sin da bambino e che probabilmente niente gli avevano mai fatto, sapevano evidentemente niente. Si sono fermati alle regole, alla facciata. Non si sono mai chiesti se aveva empatia, affettività vera. Hanno  notato e contrastato ciò che era fuori dalle regole sociali, ma non hanno messo il becco sul mondo interiore di un adolescente che sicuramente covava un disagio da tanto, tanto tempo. E avrebbe ucciso anche i suoi genitori se fossero stati più apertamente conflittuali come lo erano quelli Riccardo. Non per niente non ha mai rotto l’amicizia con Riccardo, problematico quanto lui e incapace di accettare le frustrazioni quanto lui, non per niente fumava spinelli tanto quanto l’amico e chissà quanti altri amici del bar o della piazza di Codigoro. Nei disagi psichici le droghe fanno da detonatore e ancora si pensa che lo spinello sia innocuo. Bisognerebbe portare i ragazzi a vedere negli ex manicomi giudiziari quanti sono diventati delinquenti con l’uso continuato di droghe leggere.

Bisognerebbe smettere di pensare che queste vicende non facciano soffrire profondamente e si cerchino spiegazioni razionali che tendono a giustificarle. Sono enormi tragedie che nascono in famiglia, si sviluppano in famiglia  e non sono più tanto numericamente ridotte. Certo, la violenza fisica usata in questo caso come in altri, fa sbarellare prima di tutto noi (non coinvolti direttamente), che non sappiamo nè giustificare, nè capire, nè accettare, nè rifiutare. Perciò è meglio provare dolore (non pietà|) per queste “notizie” piuttosto che negarlo e farsi i selfie davanti alla villetta del massacro, sintomo lampante di una società malata, seriamente malata che non può che generare mostri. O, a livelli minori ma non meno pericolosi, vendicativi manipolatori, narcisisti e anaffettivi.

Il carcere minorile

Manuel e Riccardo da ieri sono rinchiusi nel carcere minorile di Bologna, ma uno dei due, probabilmente Riccardo, verrà spostato perché i due non possano incontrarsi. La loro amicizia si dissolverà come neve al sole tra pochissimo. Il loro rimorso, invece, forse non avverrà mai. Dipenderà dall’osservazione psichiatrica cui verranno sottoposti entrambi e che dovrebbe (dico dovrebbe per la freddezza dei comportamenti del prima, durante e dopo) fare emergere un disturbo dell’umore e dell’affettività rilevanti. Il gip ha ritenuto che possono ancora uccidere. Ha già detto tutto.

 

 

 

 

 

 

 

 

Giovani assassini crudeli

Forse li ho conosciuti, Salvatore Vincelli e Nunzia Di Ganni, uccisi a colpi di ascia in testa mentre dormivano, nella loro casa in provincia di Ferrara, due giorni fa. Dico forse perché sono stata a cena in un ristorantino di Comacchio, cittadina incantevole e romantica , un po’ fuori dai circuiti turistici – e a torto – schiacciata da Ravenna e Venezia. Sono stata, in quel Polesine dove abitavano (Codigoro compresa), una volta cosi in miseria e vuoto e poco ospitale per l’uomo, da costringere a lasciarlo per vivere altrove e ora così normalmente pieno di villette. Non ho riportato grandi emozioni, non mi ha colpito la gente. Anzi, la gente di lì mi è apparsa ibrida un po’ come queste terre create dal Po, buono ma imprevedibile, un po’ come descrive il papà di M. il figlio 17enne che ha massacrato i genitori del suo migliore amico 16 enne. Una storia brutta, di quelle che ci sembra di aver già sentito varie volte e che io ho scritto per altri casi, ma questa non è come le altre. I motivi che spingono ad uccidere non sono molti: rancore, invidia, possesso, vendetta. Fare uccidere a un amico promettendo soldi è la giustificazione dell’assassino mandante e dell’assassino concreto (colui che uccide concretamente) perché un motivo logico bisogna pur sempre trovarlo. Lo stesso motivo logico a cui si aggrappa il papà di M, che nemmeno odiava i genitori del suo amico R. ma da lui era totalmente dipendente. Davvero? Questi due ragazzi non venivano sgridati a caso dai loro genitori. Entrambi. Non a caso sono diventati inseparabili, in una sorta di specchiamento reciproco di disturbo profondo che ha le stesse radici. Se i genitori di R. fossero vivi e morire fossero stati quelli di M, avrebbero detto la stessa cosa del loro figlio: era buono, l ha fatto per…cattiva compagnia, soldi, debolezza, ecc. Quanta debolezza ci può essere nel programmare un duplice omicidio con legami di sangue (il figlio) o di persone che vedi spesso e parli loro, e pranzi e ceni con loro e hai perfettamente chiaro che sono i genitori del tuo amico? Quanta debolezza può esserci nel prendere un’ascia e spaccarla sulla testa 3 volte (l’uomo) e 5 volte (la donna) vedendo il sangue che schizza, il volto che si deturpa, percependo la tua mano che impugna l’arma e violentemente colpisce non due tronchi d’albero ma due esseri umani che dormono e che ben conosci? Quanta debolezza può esserci nel chiedere scusa al papà  che grazie a quel “ravvedimento” tanto immediato, può dire “non lo abbandonerò mai, è un buono”? Quanta bontà può esserci in ragazzi che compiono omicidi per vendetta, malessere, senso dell’ingiustizia? Quanta moralità hanno appreso a 2 anni, età in cui già si può distinguere il bene dal male? Quanta empatia a 4, età in cui si riconosce il dolore dell’altro e si prova compassione? (Compassione non significa simbiosi).

Appena ho letto la notizia del duplice omicidio (titolo e luogo) e il sottotitolo che diceva “i corpi trovati dal figlio 16enne” ho pensato fosse stato il figlio. Benchè solo il caso di Erika, a Novi Ligure, riporti nella cronaca italiana degli ultimi trent’anni quest’età così giovane per delitti tanto efferati, è piuttosto consueto che chi lancia l’allarme sia anche l’assassino. Il cane che non aveva abbaiato a Novi Ligure (come in questo caso) mi aveva fatto pensare la stessa cosa: è stata la figlia. Per cui negare l’orrore non ha senso. I concittadini hanno sempre ritenuto (quasi di fronte all’evidenza) talmente assurdo un fatto eclatante commesso da una persona che conoscevano (per di più giovane e magari educata o figlia di gente normale, come il caso di Garlasco) da volerlo in qualche modo giustificare. In effetti, è ben difficile collocare nella nostra mente la crudeltà dei ragazzi o i loro problemi (chiamiamoli disturbi) compressi sotto un’apparente normalità. Fa spavento. Fa chiedersi come mai non ci si è accorti di niente. Fa persino pensare che se la madre di M. non l’avesse sgridato tanto e il padre di R. non l’avesse punito tanto per raddrizzarlo, non sarebbe successo niente. E poi ci sono i commenti (degli esperti) sul vuoto dei ragazzi d’oggi, sul bisogno dei soldi, sulla ribellione non incanalata, sull’immoralità dilagante. Tutto vero. Ma i delitti familiari ci sono sempre stati e la bassa età di chi li commette significa soltanto che il malessere non visto prima da nessuno, traformatosi in male e punizione, ha avuto l’occasione per farlo: un’amicizia, una folie a duex, che dà potenza e giustifica il successivo scarico di responsabilità, come sempre avviene quando una coppia diabolica viene arrestata e deve pagare la colpa. Perciò sì, i ragazzi sono colpevoli, la scuola è colpevole, i genitori sono colpevoli ,  chi giustifica è colpevole. Anche le vittime che si trasformano in carnefici possono scegliere. M e R. hanno scelto. Peccato che non avranno mai rimorso, ma solo vergogna.

Preveggenza o indagine?

Che strage avrebbe potuto fare in Italia Amri? Le parole del questore di  Milano non hanno avuto (finora) nessun riscontro. L’unico vero riscontro, piuttosto ritardatario, viene dai servizi dell’intelligence del Marocco che avrebbe lanciato l’allerta alla Germania a settembre ed ottobre proprio su di lui, il tunisino che era talmente pericoloso (e questo è un fatto assodato perché la strage l’ha compiuta davvero)  e ricercato (questa è una menzogna perché chi cerca trova, visto che era conosciuto come spacciatore di droga a Berlino da agosto) e peggio ancora dopo la strage, mentre si faceva selfie e inviava video in pieno giorno di fianco alla Sprea, il fiume berlinese.

Ieri mattina ho indagato da sola (come sto facendo dal primo giorno della strage a Berlino, città che conosco bene) , senza il supporto di nessuna notizia della polizia, né dei colleghi. Oggi devo correggere alcune informazioni ufficiali che ieri non potevo sapere: il tunisino è partito in treno via Francia e a Torino ha cambiato con un regionale per raggiungere Milano stazione di Porta Garibaldi dove è arrivato intorno alle 9 di sera di giovedì. Da qua si è spostato (a piedi) alla Centrale dove ha cercato, inutilmente, un treno per proseguire la sua fuga, di destinazione sconosciuta. Dalla stazione Centrale, che ha lasciato intorno all’1 di notte (cioè alla chiusura della stessa) si è spostato a quella di Sesto San Giovanni, distante circa 4 chilometri. Forse ha preso un bus notturno, giungendovi pochi minuti prima delle 3. Dieci minuti dopo è stato visto nella piazza dalla pattuglia di polizia che gli ha chiesto i documenti per un normale controllo e ne è scaturita la sparatoria che l’ha ucciso. Non ha gridato Allah, ma poliziotti bastardi. Indossava due paia di pantaloni, segno che ha dormito all’aperto, su treni  o in ripari di fortuna (quindi senza appoggi)  da lunedì a giovedì notte alle 3. Nel suo zaino c’erano soldi (tra i 150 e i 400 euro) un cellulare con batteria scarica, spazzolino e dentifricio. Non aveva documenti né foglietti con nomi e luoghi utili a qualcosa. Aveva, naturalmente, la pistola con la quale aveva ucciso l’autista polacco e che ha usato contro gli agenti, ferendone uno. Ieri ho scritto nel post precedente a questo che da quella piazza partono pullman con destinazione Marocco, ma oggi ho saputo che quella è l’unica destinazione notturna, mentre di giorno ce ne sono altre, Tunisia compresa. Il pullman per il Marocco attraversa Milano e si ferma anche a Lampugnano prima di prendere l’autostrada per Torino. Questo indicherebbe che Amri non era a conoscenza né di orari né di percorsi. Ma in quella piazza davanti alla stazione non c’è giunto a caso. O sapeva dell’esistenza di quella stazione e ha tentato di prendere da lì un altro treno notturno, o voleva prendere il bus per allontanarsi comunque dall’Italia. Una ipotesi potrebbe essere il passaggio di parola tra extracomunitari in stazione Centrale a Milano ai quali potrebbe aver chiesto come raggiungere con pullman o treni la sua destinazione finale o anche una qualsiasi, pur di allontanarsi velocemente da ogni luogo (cioè senza sapere bene dove andare , ma sicuro di dover fuggire e quindi restare in movimento). L’altra ipotesi è che lì ci fosse già stato e sapeva della partenza dei pullman notturni, ma è arrivato tardi ed è stato notato proprio appena arrivato perché non sapeva cosa fare né dove andare.

La mia teoria, personalissima e non suffragata da alcune fonti ufficiali, che la vicenda della strage di Berlino sia iniziata a Cinisello (un chilometro e mezzo dalla stazione di Sesto) è si sarebbe conclusa nella stessa zona è stata condivisa con un collega per telefono tre giorni fa. Nessun elemento sufficiente per poter scriverne sul giornali, solo una sorta di intuizione, quelle che nascono dalle investigazioni ossessive: controllo dei percorsi, degli orari, delle abitudini, conoscenza dei luoghi e di tutte le informazioni a disposizione più altre recuperate dalla gente (chiunque, passanti, extracomunitari, baristi, ecc.) e la psicologia che è sempre fondamentale per capire i comportamenti umani di chi delinque, molto più della politica italiana od estera.  La verità è che il terrorista è stato freddato (senza sapere che di lui si trattasse, vicinissimo all’ultima sosta del tir che ha poi usato per la strage del mercatino d Berlino. Trovare un Tir da usare non è facile. Corrompere con soldi (ben difficile sequestrare un autista grande e grosso anche solo per 4 ore e tenerselo al fianco non legato o ucciso) un autista per farsi portare fino a Berlino, nei pressi di un luogo già scoperto precedentemente per la strage da compiere è relativamente facile se si sa come fare e dove trovare Tir giusto e autista disposto a farsi pagare per il passaggio. Potrebbe essere andata così a Berlino: Amri avrebbe provato a guidare il camion alle 16 e 30, inventandosi di voler imparare. Diverse sono le accensioni (da fermo) registrate dal gps. L’ultima, alle 19 e 45, è invece una partenza in piena regola che in 17 minuti piomba nella piazza. Forse guidava lui, mentre il polacco al fianco ignaro di essersi fatto amico un terrorista, si è accorto solo all’ultimo momento di quello che stava accadendo e ha sterzato beccandosi coltellate di rimando. Se l’incontro e l’accordo di viaggio tra i due non c’è mai stato ed è stato tutto casuale l’inizio e la fine tra Sesto e Cinisello, come sostiene la polizia italiana, sono pronta a smentire la teoria. Comunque non si spiega come io abbia potuto prevederlo.

 

“Sono fatto così per colpa del bullismo”

Nel momento in cui lo fa sapere è già grande, ed è l’unica volta che abbassa gli occhi. Lo sguardo diretto, fin troppo fisso, che lo contraddistingue, di colpo diventa sfuggente e assomiglia a quello della vergogna.

Sono stato vittima di bullismo

Che ti hanno fatto, chi?

A scuola, da bambino. E anche dopo.

Cosa facevano?

Dicevano che ero cleptomane, mi chiamavano cleptomane.

Cosa facevi?

Rubavo le penne ai miei compagni, poi anche i pupazzi Trudy. Un giorno, mi ricordo, sono andato sotto la scrivania della maestra a piangere.

Non ricordi nient’altro?

Sì, che non mi invitavano mai a casa loro.

Alza la testa e guarda di nuovo dritto, quasi con orgoglio.

A sette anni mi sono spogliato in classe, ho tirato giù anche i  pantaloni davanti a tutti.

E la maestra cosa ha fatto?

Non mi ricordo.

E i tuoi? Li avranno chiamati…

Non mi ricordo.

Viene allora richiesto alla madre che nega l’episodio. Due anni dopo questo racconto non si è sentito creduto sulla storia dello spogliarello in classe e torna alla carica, spontaneamente.

Nel mio paese ho incontrato una compagna delle elementari che non vedevo da vent’anni e subito mi ha detto..uh!!! quello che si  è spogliato in classe! Visto che era vero?

Ricostruiamo questo bullismo, no perché sai che è un reato, e se stai male per quello che è accaduto anche se tanti anni fa facciamo qualcosa…guarda anche a costo di andare a prendere a sberle qualcuno. Hai detto che è successo anche alle medie e dopo no?.

Ma no è inutile. Sì avevo 13 anni. Ma non a scuola.

Senti, ma ti hanno fatto avance sessuali per caso? Molestie?

Non ne vuoi parlare?

No

Parliamo delle medie a scuola

Ero un po’ il buffone della classe. Ho anche preso una nota perché con un compagno dalla finestra abbiamo gridato lampadina al preside che aveva la testa pelata.

Sorride, sembra soddisfatto come per l’episodio dei pantaloni abbassati davanti a tutti.

Non chiamavano mai i tuoi genitori?

No. Credo di no, non mi ricordo

Hai ricordi un po’ sfumati, come mai?

A scuola mi dicevano che ero sempre sulle nuvole, andavo spesso al bagno, pensavo, guardavo fuori dalla fenestra. Eh sì avevo 4 in italiano e matematica. Ho una scrittura brutta e fatico a leggere, questo da sempre. Il 7 in condotta ho cominciato a prenderlo alle medie. Facevo tante assenze per preparare la festa. Mai bocciato no, però ho rischiato. Studiavo di notte per recuperare.

Non sei cambiato tanto mi pare. Sei sempre distratto e vai sempre in bagno. A cosa pensavi in classe?

Alla festa del paese che da noi è un grande evento e si prepara mesi prima. Io suonavo i tamburi. E poi pensavo ai miei compagni che non mi invitavano a casa loro e li sentivo mettersi d’accordo.

Non hai spiegato bene perché hai pochi ricordi…

Mi vengono in mente adesso. Non ci ho mai pensato. Me lo stai chiedendo tu adesso e mi vengono in mente.

Però sei pieno di rabbia, lo ammetti.

Sì, ma forse anche prima del bullismo. Non lo so bene. I miei ci tenevano molto alla condotta e non mi facevano vedere la tivù per idee loro. Non sopporto chi mi tratta da bambino, e ho un senso di rivalsa e di insoddisfazione che mi attanaglia.

Quindi non è solo per colpa del bullismo?

La rabbia non lo so. Ma la rivalsa sì. Verso il mio paese e anche verso i miei genitori.

A 13 anni cos’è successo?

Niente, avevo dei vicini di casa più grandi di me e stavo con loro. Non avevo amici. Per tre anni sono stato vittima di bullismo con loro. Cioè, quello più grande, che aveva 5 anni più di me ed era già maggiorenne, da solo era simpatico, mi trattava bene. Ma quando era con l’altro o con il gruppo faceva il leader.

Cosa ti facevano i vicini di casa? (Ci pensa..poi abbassa di nuovo gli occhi)

Mi facevano camminare a quattro zampe, come i cani. O mi facevano fare esercizi di logica e io fallivo.

Senti dai, in quel paese la logica non mi sembra il forte di nessun ragazzo…ma che vuoi dire con logica?

La costruzione della frase.

Mmm, mi sembrano tutti abbastanza ignoranti i ragazzi di lì. Si divertivano?

Loro sì. Io no. Però da loro imparavo delle cose perché erano più grandi e poi ti ho detto non potevo scegliere di andarmene perché mi sentivo solo

Certo la casa era isolata e tu non avevi il motorino a quell’epoca. Ma potevi anche smettere di subire, se volevi, in fondo erano vicini di casa. Tre anni sono tanti…

Un giorno l’ho raccontato a mio padre e lui è intervenuto.

E come mai gliel’hai detto?

Perché mi aveva sgridato e io gli ho detto tu non sai cosa patisce tuo figlio da tre anni…

Così ti sei liberato dei bulli, ma anche degli amici…

No, in realtà poi ci siamo spostati in un bar nel paese più sotto. I miei proprio non volevano che frequentassi quel bar. C’erano due gruppi e io quando avevo 16 anni ho trovato un amico di scuola, che è stato il più grande amico che ho avuto e uscivo solo con lui, e gli altri li ho mollati

Hai obbedito ai tuoi?

Bè anche. Però me l’hanno fatta pagare per averli mollati

Cioè?

Nel bar mi hanno portato nella toilette e una ragazza mi ha dato un pugno in faccia e mi ha rapinato.

Una ragazza?

Sì, aveva 14 anni, ma giuro che sembrava un uomo!

Tu avevi due anni di più e non hai saputo difenderti da una ragazza?

(Alterato..). Ti ho detto che mi sembrava un maschio! Con i miei genitori l’abbiamo denunciata alla polizia

Hai denunciato una ragazzina?

(con una punta di soddisfazione) Si.

Raccontami com’è andata al commissariato…

Questa ragazza aveva già problemi, era conosciuta dagli assistenti sociali.  C’era anche la mamma con lei. Il padre è in carcere e anche il fratello è un poco di buono. Che faceva…piangeva perché era una denuncia di aggressione e furto.

Piangeva…e tu hai fatto parlare i tuoi genitori e sei orgoglioso di averla punita anche a distanza di anni?

Tace.

Senti, visto che dici che soffri tanto da molti anni, perché non cerchiamo questo bullo maggiorenne?

Mette il nome in Facebook, vediamo che fa il dj, è adulto, sembra un tipo normale. Non ci sono post strani.

Andiamo a parlargli. Vengo con te.

Ma no, ormai.

Dici sempre che i tuoi problemi derivano dal bullismo…affrontiamoli!

Ma no, ormai

Sono passati dieci anni, ormai che? Telefono azzurro ha detto che devi andare dallo psicologo a farti aiutare e anche denunciare quel ragazzo. Almeno lo psicologo, a lui puoi dire quello che ti è successo.

Eh sì ci andrò. Ma gli psicologi, bah, forse ci vogliono anni.

Un giorno, nella sala comunale del suo paese,  abbraccia una signora elegante, bella, spigliata. La saluta come due che non si vedono da anni. C’è quasi tenerezza in entrambi.

Chi è quella signora?

La mamma del mio vicino di casa

Chi, il bullo?

Sì, lui

Ps: questa è una storia vera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La psiche incompresa

Il magistrato che indaga sul duplice tentato omicidio di Busto Arsizio ha sequestrato le cartelle cliniche della donna che sabato a mezzogiorno ha buttato i figli di sei e tre anni dalla finestra.

Tutto il condominio sapeva che era una sua ossessione dichiarata apertamente. Lo sapeva il centro psico sociale che la seguiva da anni per disturbo di personalità borderline e depressione, lo sapevano gli psichiatri dell’ospedale di Busto Arsizio che l’hanno ricoverata fino a pochi giorni fa e l’hanno rimandata a casa con i farmaci da assumere. Sapevano che aveva due bambini che voleva fare morire e l’hanno laasciata andare nella stessa casa con quei bambini.

Non potevano metterla in carcere, è vero. Non potevano tenerla ricoverata per mesi, è vero.

Non potevano nemmeno allontanarla dal nucleo familiare o allontanare i bambini mettendoli in un istituto.

Non si può fare niente per fermare le madri assassine che lo annunciano, lo promettono e alla fine lo fanno?

Il pm di Busto può indagare sulla negligenza che evidentemente c’è stata, nella valutaziione di un pericolo serio e imminente. Può punire i responsabili (dubito che lo faccia e che si ravvisi un reato di negligenza in questo caso) ma non dirà nemmeno lui che cosa va fatto in casi psichiatrici gravi come questo per rispettare la legge sul diritto alla salute ma anche quella sul diritto a non essere in pericolo di morte (i bambini).

Io non mi rassegno a questo non sapere cosa fare. Tutte le tragedie sono sempre annunciate e si lasciano avvenire per punire dopo (nel caso ci sia qualcuno da punire) e piangerci su.

Chi manifesta desideri di uccidere, chi manifesta segnali di pericolosità sociale o contro se stesso, non può restare in famiglia, luogo ideale per agire il delirio.

Sono sicura che la madre di Busto Artsizio ora stia meglio: la sua ossessioone è sparita e lei se ne è liberata. Che passi avanti ha fatto la psichiatria? Che farmaci nuovi sono stati prodotti? Che metodi si usano per cercare di guarire le persone o per lo meno renderle non pericoose per sè e per gli altri?

Le prime scoperte della metà dell’800 oggi non servono più a niente e di ricerca medica e psichiatrica nessuno ne parla.

I rtisultati sono un esponenziale aumento di casi, sempre più da film horror.